Qual è la differenza tra guarire e curare?

A pensarci bene intuiamo che non sono sinonimi ma non li distinguiamo nettamente. Chi si occupa di salute sa che può curare una persona, ma se questa non vuole guarire non guarirà. Per un terapista è molto dura da digerire la lezione che lo rende consapevole di questa differenza. Per un sempre maggior numero di persone guarire comporterebbe uno sforzo e un cambiamento talmente radicali da essere insostenibili e, soprattutto, incompatibili con la loro vita. Invece possono essere curate, cioè accompagnate nel loro sforzo di sopportare l’angoscia della loro condizione. Prendersi cura può voler dire favorire quell’ancestrale meccanismo di sopravvivenza che è l’adattamento senza imporre modelli o protocolli che rimangono strumenti decisamente inadatti per leggere la complessità umana. Ecco quello che siamo, traghettatori di corpi senza diritto di interferire sulla rotta.