L’osteopatia trova nell’ambito neonatale-pediatrico la sua massima espressione per quanto riguarda la prevenzione e l’ausilio nello sviluppo del sistema nervoso del bambino. Questo sistema estremamente delicato è di fondamentale importanza per lo sviluppo di tutto il complesso cognitivo – comportamentale nell’adulto. Per capirci non si avrà mai una seconda occasione di fare una buona prima impressione.

Il trattamento Osteopatico può essere d’aiuto in tutte quelle condizioni legate al cambio di temperamento tipico di alcune condizioni come lo svezzamento,  l’assunzione di farmaci e il contatto con sostanze tossiche, condizioni per niente scontate che mettono sotto stress il sistema neurologico del bambino che, fisiologicamente, nei primi 6-8 mesi è sprovvisto delle sue difese sia meccaniche che immunitarie ed i suoi sistemi di riduzione dello stress ossidativo sono immaturi.

Sonno, rigurgiti, coliche gassose, difficoltà di suzione, sono solo alcune delle condizioni più frequenti che possono essere migliorate con il trattamento Osteopatico, per arrivare a condizioni più gravi quali ritardi del neuro-sviluppo legati a traumi meccanici, chimici che si possono verificare durante o dopo il parto.

Il miglioramento dello scorrimento dei fluidi intra durali, conseguente al trattamento Osteopatico, permette una migliore attività della Glia, tutto quel comparto di sostegno e cellule immunitarie tipiche del sistema nervoso centrale, che di conseguenza attiva in maniera ottimale i suoi sistemi di detossificazione e ossidoriduzione per mezzo dell’attività delle cellule T.

É fondamentale di conseguenza assicurarsi che vi sia una fisiologia dei fluidi sin dai primi momenti di vita.